A spasso con la mia amica Ansia

Cos’è per me l’ansia?

Bella domanda… quando per la prima volta ho avuto davanti il programma del corso per diventare Mental Coach, i miei occhi sono andati a finire proprio a quell’appuntamento, appuntamento arrivato per caso? E, come recitava il saggio Jung: “il caso non esiste, esiste la sincronicità degli eventi”.

L’ ansia è quella cosa che mi porto in tasca tutte quelle volte in cui sono chiamata a competere con le mie insicurezze, con le mie paure mai gestite fino in fondo e nascoste da quella maschera di “Wonder Woman” che indosso puntuale per far fronte alle sfide, alle prove che mi mette davanti la vita.

 

Quando ti viene l’ansia?

Intanto non è semplice circoscriverla perché è data dalla sensazione di un potenziale pericolo, o meglio, la mente lo percepisce come tale.

Ti puoi sentire spaventato, inadeguato o incapace di agire e ne consegue l’agitazione interna con tutte le sue manifestazioni fisiologiche: tachicardia, senso di oppressione, giramenti di testa, sudorazione improvvisa, panico.

Può venirti perché hai:

  • paura dell’ignoto, di ciò che non conosci, di ciò che non puoi controllare, di una esperienza nuova con la quale sei chiamato a confrontarti.
  • paura di commettere errori per una scelta, una decisione da prendere o una sfida da affrontare.
  • paura di fare una figuraccia che fa scattare il tuo allarme interno, ad esempio, quando devi fare un intervento di fronte a qualcuno, una gara, un esame, un colloquio di lavoro.
  • paura che possa accadere qualcosa alle persone che ami, paura delle malattie; in casi come questi cerca di rassicurare quel “bambino spaventato” dicendogli che ce la può fare perché di fatto è forte e ne ha superate tante, sicuramente più toste di questa del momento.

 

Come affronto l’ansia?

Per prima cosa me la faccio “amica”, la assecondo, perché se è arrivata mi sta dicendo che vuol essere ascoltata ed accolta.

Parto col mio dialogo interno (Self Talk), voglio comprendere prima di tutto perché è venuta a farmi compagnia, se è dettata solo dalla condizione del momento oppure se è alimentata da qualche evento scatenante, rimasto nella mia memoria mentale ed emozionale e non saputo gestire in passato.

Torno indietro con la mente, faccio le mie libere associazioni e quando le identifico, perché ci sono quasi sempre, mi metto a ridere. Rido! Si!

Rido perché l’ho smascherata, e le tolgo, così, il potere, con una espressione divertita, seguita da una frase del tipo: ” il fantasma si sconfigge con una risata” e allento così la momentanea perdita del controllo di corpo e mente.

 

Come puoi disinstallare l’ansia in 7 passi:

  1. prendi coscienza dell’esistenza dello stato dell’ansia
  2. respira profondamente
  3. individua, analizza e modifica il pensiero negativo
  4. sposta il focus
  5. impara a giocare d’anticipo, trova soluzioni
  6. abituati a convivere con l’incertezza
  7. visualizza scenari rilassanti

 

L’ansia è tutto ma può diventare niente nel momento in cui prendi coscienza di quale evento fa scattare il tuo allarme interno e ti metti nella condizione di gestirlo con la fiducia necessaria appresa dall’esperienza e la voglia di voler vincere anche stavolta.

E tu, come disinstalli l’ansia?

 

Rosalba Bruno

Rosalba Bruno

Prenota la tua sessione valutazione percorso Certified Mental Coach

Head Office


Mental Training Italy
Via Giuseppe Gabetti, 15
Milano
Tutti i diritti sono riservati a Mental Training Italy. P.iva 05221540965
Realizzato con e da Arkimede Adv